Conviene il distacco dal riscaldamento centralizzato?

termosifone

E’ in vigore dal 2013 la possibilità di staccarsi dal riscaldamento centralizzato, per ogni persona che vive in condominio. In particolare, l’art. 1118 del c.c prevede che ogni singolo condomino si possa distaccare dall’impianto centralizzato, purchè  tale distacco non arrechi squilibri nel funzionamento dell’impianto nè comporti aggravi di spesa per gli altri condomini. 

Per prima cosa, quindi, la persona che si vuole distaccare dall’impianto centralizzato deve eseguire una diagnosi energetica non solo del suo immobile, ma dell’intero edificio fornito dalla caldaia centralizzata da cui si vuole distaccare. Tale diagnosi non è gratuita, ma deve essere fatta da un tecnico abilitato e non da un impiantista o un semplice idraulico.

Oltre a tali spese, il condomino che si vuole distaccare deve in ogni caso partecipare alle  spese di manutenzione straordinaria della centrale termica ed alla conservazione dell’impianto stesso. Non solo, esso dovrà realizzare non solo un nuovo impianto, ma anche una nuova canna fumaria, che rispetti le norme di distanze e scarico fumi, l’adeguamento della linea del gas, il distacco dalle tubazioni, ecc. Pertanto una spesa totale non indifferente.

Con l’avvento della normativa che obbliga tutti gli impianti centralizzati a dotarsi di contabilizzazione del calore e valvole termostatiche, non conviene più il distacco, ma conviene, piuttosto, rimodernare la caldaia centralizzata in modo da poter ottimizzare i consumi. Inoltre grazie alle valvole termostatiche, che potranno essere manuali od automatiche (ovvero possono essere dotate di termostato centralizzato nella singola unità abitativa che regola le valvole ad orari e temperature prestabilite) i consumi saranno in base alle reali esigenze del singolo e non più in base all’accensione e/o spegnimento della caldaia centrale.

a cura di Monica Baldini

Se vuoi un preventivo contattaci:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.